La rondine comune e il problema della nidificazione
La rondine comune e il problema della nidificazione

La rondine comune e il problema della nidificazione

Ovvero: come cercare di aiutare questo passeraceo a farsi una famiglia.

Purtroppo è cosa nota che la popolazione mondiale di rondine comune (Hirundo rustica) rondone comune (Apus apus) e balestruccio (Delichon urbicum) siano in declino da diversi decenni (https://www.montagneaperte.it/ambienteebiodiversita/fauna/sempre-meno-rondini-nei-nostri-cieli/).

Molto si è discusso, e altrettante associazioni di protezione uccelli (LIPU in testa per l’Italia) si sono sprecate per portare alla luce un fenomeno che, apparentemente, non pare così grave ne urgente.

A leggere i dati dello stato di conservazione delle specie (la cosidetta lista rossa), sia rondine e balestruccio ( specie:Hirundinidae) che rondone comune (specie: Apopidae) si collocano nella casella del “rischio minimo”. Ma in realtà, l’organizzazione IUCN (International Union for the Conservation of Nature) quando stila il suo rapporto, tiene conto non solo del numero di esemplari presenti, ma anche se sono realisticamente più o meno minacciati, se il loro habitat rispetti ancora le caratteristiche di accoglienza che per secoli ha consentito alla specie di acclimatarsi, in che misura le attività antropiche impattano sulle abitudini di vita. Senza entrare troppo nel merito, chiunque sia un pò attento, chiunque abbia voglia di sollevare lo sguardo verso il cielo e/o che abiti in pianura Padana (ma anche in altre parti d’Italia chiaramente) potrebbe confermare che sì: di questi insettivori ve ne sono di meno ora rispetto a un tempo.

E non è una buona nuova.

Ma perchè succede? Le cause sono da ricondurre sempre, e purtroppo, alle attività umane legate all’agricoltura (coltivazioni intensive; uso di pesticidi e veleni), ai cambiamenti climatici, alle pale eoliche mal posizionate ( https://www.divulgatura.it/ecologia-e-zoologia/pale-eoliche/ ), alle cambiate regole di costuzione degli edifici, siano essi a scopo abitativo o di stabulazione del bestiame, che rendono difficoltosa la costruzione dei nidi da parte degli adulti, alla caccia alla quale sono sottoposti questi uccelli nei paesi caldi in cui svernano.

L’argomento “calo drastico delle rondini” è per me un argomento caldo e che dovrebbe essere portato agli occhi dell’opinione pubblica più spesso di quel che si fa normalmente. Questi volatili sono importantissimi perchè consentono di mantenere in equilibrio le popolazioni di insetti volanti (zanzare comprese) che tanto ci danno fastidio in estate.

Inoltre con il loro volo velocissimo e pieno di manovre spericolate e spettacolari, con il loro garrire mettono allegria (almeno a me), mentre vedere un nido con all’interno i piccoli che fanno capolino con le loro testine è un qualcosa che scalda il cuore. Non saprei dire compiutamente perché sento un legame così forte con le rondini… forse tutto si può ricondurre alla mia infanzia e alla poesia di Giovanni Pascoli ” X agosto” dove il poeta, con efficaci parallelismi carichi di immagini drammatiche, è riuscito a colpirmi nel profondo… https://www.youtube.com/watch?v=rbJVgE48_f4&t=240s

Rondine in volo. L’aspetto è inconfondibile! Ph: TheOtherKev

Allora che fare?

Se in linea di massima una persona comune non può fare tanto per ciò che riguarda i problemi più difficili da maneggiare, qualcosa invece si può provare a fare nel proprio piccolo.

Per esempio comprando nidi artificiali per rondini, da piazzare in punti strategici sperando di attirare l’interesse di qualche coppia.

I nidi non sono costosissimi, e per chi abita in provincia di Modena lascio il link del negozio dove li ho acquistati https://www.emporioverdesrl.com/Prodotti/IT/nido-per-rondini-2016001/pMjAxNjAwMQ2

Nidi artificiali per rondini, ph: Simone Balboni

Per concludere ricordiamoci che sia le rondini sia i loro nidi, uova e nidiacei sono protetti dalla legge 157/92 e la distruzione dei nidi o il disturbo alla cova è reato.

http://www.youanimal.it/distruggere-un-nido-di-rondine-e-reato-penale/

Simone Balboni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *